Aggiornato il 15/1/2018
Trova il tuo podologo Un aiuto ai tuoi piedi In allestimento Vuoi fare una domanda? Chirurgia della Mano
il portale italiano dedicato alla cura ed alla salute del piedeHome PageHome pageCollaboratoriCollaboratoriLibriLibriRegistrati

Le ultime novità

Torna all'indiceTUTTE LE NEWS
Un test misurerÓ il dolore


Quanto dolore proviamo?

SarÓ per la prima volta un test del sangue a dirlo in maniera obiettiva, metodo che potrebbe aiutare molti pazienti non in grado di comunicare il dolore provato o i bambini pi¨ piccoli.

L'ha realizzato Shaun Kilminster del Royal Surrey County Hospital di Guildford, in Gran Bretagna, il quale spiega che il test (ancora da validare su larga scala) misura la concentrazione di alcune molecole che comunicano i messaggi chimici tra le cellule nervose.

Il test misura nel sangue la concentrazione di tre neurotrasmettitori che mediano alcune informazioni tra corpo e cervello ed Ŕ stato provato su 60 persone, uomini e donne, con o senza cefalea, dimostrando la sua validitÓ.
Non Ŕ sempre facile per i medici, secondo il ricercatore, interpretare e dare parametri oggettivi alla percezione del dolore comunicata dai pazienti; e talvolta farlo Ŕ davvero impossibile, come in tutti i casi in cui il malato non Ŕ pienamente cosciente o non Ŕ in grado di comunicarlo al medico.
Lo stesso problema esiste quando i sanitari hanno a che fare con i bambini, da quali Ŕ difficile ricevere informazioni attendibili sul loro stato di sofferenza. Scetticismo sul nuovo metodo Ŕ stato espresso da Andrew Moore dell'unitÓ di ricerca sul dolore presso la Oxford University, il quale sostiene che anche se si fosse dimostrato funzionante sul mal di testa, potrebbe non essere cosý per altri tip i di dolore.

Segnala a un amico >>

LE ULTIME NEWS
  Congresso FODRA
  Parkinson
  NEUROLOGIA: UN ATLANTE PER IL CERVELLO
  Medici: altolÓ al fumo
  Malaria
  Lotta al Cancro
RICERCA

   


back page

 Copyright © Timeo Editore - Bologna (Italia)
 L'uso e l'accesso a questo sito sono soggetti ai termini ed alle condizioni definiti nella sezione "Note dell'Editore"