Aggiornato il 20/9/2017
Trova il tuo podologo Un aiuto ai tuoi piedi In allestimento Vuoi fare una domanda? Chirurgia della Mano
il portale italiano dedicato alla cura ed alla salute del piedeHome PageHome pageCollaboratoriCollaboratoriLibriLibriRegistrati

Novità editoriali


Osteotomia
Donato Vittore con la collaborazione Gianni Caizzi - Edizione in formato DIGITALE
Formato: DIGITALE (PDF) per tutte le piattaforme
Anno: 2010
96      36      150
Lingua: Italiano
ISBN: 978-88-86891-98-1
Disponibile

Prezzo: € 35,00 IVA inclusa
€ 25,00 IVA inclusa

Ordina il Volume
       
Il trattamento del piede piatto lasso ha subito un’evoluzione progressiva negli anni, correlata all’introduzione di nozioni sempre più precise e particolareggiate circa le alterazioni biomeccaniche che lo sostengono. Nella seconda metà del ’900 furono proposti i primi presidi ortesici che nascevano dalla convinzione che fosse necessario imbrigliare il piede durante la crescita in una struttura rigida che ne guidasse lo sviluppo. Queste prime ortesi non diedero i risultati sperati spingendo le Scuole di chirurgia del piede a fare uno sforzo cognitivo per progettare delle metodiche di trattamento realmente valide.
In tal modo iniziarono ad essere utilizzati vari modelli di ortesi plantari, alcuni fissi, come scarpe ortopediche con piano inclinato, altre mobili, come plantari di varia conformazione.
Parallelamente alcuni centri sviluppavano la convinzione che la correzione del piede piatto dovesse passare attraverso un trattamento chirurgico, di cui oggi si osserva una vastissima diffusione grazie all’evoluzione dei materiali ed alla semplificazione notevole delle tecniche utilizzate.
In questo vasto panorama la nostra Scuola si allinea con le metodiche di trattamento incruente, partendo dalla convinzione che il piede piatto è inizialmente un disturbo funzionale del piede, in cui non si è realizzato uno sviluppo fisiologico dei meccanismi di automazione che consentono l’orientamento spaziale fisiologico delle ossa del piede sotto carico. Numerosi studi clinici, strumentali e neurofisiologici condotti negli anni ci hanno portato a rafforzare le nostre convinzioni, spingendoci a ricercare delle metodiche di trattamento riabilitativo; da circa quindici anni infatti utilizziamo un plantare di nostra progettazione, il Plantare a Spinta Elastica Mediale, unitamente ad un trattamento riabilitativo mirato.
I risultati ottenuti finora sono stati davvero interessanti, e quest’opera è finalizzata alla divulgazione delle basi concettuali di partenza della nostra metodica di trattamento e delle applicazioni pratiche nella gestione ambulatoriale quotidiana del piede piatto lasso dell’infanzia.
   


back page

 Copyright © Timeo Editore - Bologna (Italia)
 L'uso e l'accesso a questo sito sono soggetti ai termini ed alle condizioni definiti nella sezione "Note dell'Editore"